Non muoio ma entro nella vita

Come ogni sacerdote mi confronto tutti i giorni con la sofferenza e la morte.

Ho accompagnato persone amiche e sconosciute nell’ultimo istante. Ho perso il conto dei funerali: persone di fede, atei, giovani, anziani, bambini… Ho vissuto dei funerali pieni di speranza e di luce, altri pieni di gelo in cui i morti presenti non erano solo quelli nella bara. Morti anziani e morti ammazzati, morti da incidente e morti di una vita incipiente. Ci sono stati dei momenti in cui ho dovuto trattenere le lacrime, lasciando che la Parola sovrastasse le mie povere e inutili parole. Leggi tutto “Non muoio ma entro nella vita”

La verità si propone o s’impone?

È molto bella la “Preghiera Semplice” attribuita a S. Francesco di Assisi.
Nelle ultime battute il suo autore chiede al Signore di capire gli altri piuttosto che essere capito.
Ogni dialogo necessità di una reciprocità sia nella comprensione che nell’esposizione di argomenti.
Il senso di quella richiesta è allora la ricerca della verità che si raggiunge da un pensiero libero dal pregiudizio. Leggi tutto “La verità si propone o s’impone?”

La parrocchia, mistero di comunione, realtà di comunicazione.

E’ fondamentale all’interno di una comunità parrocchiale creare reti di comunicazione e sviluppare la comunione. La parrocchia deve “interiormente” essere comunità e cristiana. Come comunità deve liberarsi dall’individualismo come mentalità e dalla giustapposizione di individui che fanno massa informe come operatività. Leggi tutto “La parrocchia, mistero di comunione, realtà di comunicazione.”

Festa della Donna vissuta o celebrata?

L’ 8 marzo è la festa internazionale della donna.
Si è forse persa la memoria sull’origine “comunista” della ricorrenza inaugurata all’inizio dello scorso secolo in un momento storico nel quale le post suffragette facevano la differenza dell’ago della bilancia elettorale. Per celebrarla e mitizzarla si fece ricorso alla bufala di un rogo in fabbrica dove persero la vita solo donne operaie semischiavizzate dal padrone. Leggi tutto “Festa della Donna vissuta o celebrata?”

Il modello di relazione cristiana contro il razzismo

Era sul ponte Amerigo Vespucci di Firenze come posto sbagliato al momento sbagliato Idy Diene, un senegalese cinquantaquattrenne che vendeva ombrelli ai turisti nelle uggiose giornate d’inverno.
Un uomo con la sua storia, la sua dignità, che nel 2001 pensò di lasciare il suo villaggio di Morola per far coincidere lo sbarco nel nostro Paese con quello del suo lunario e della sua numerosa famiglia. Leggi tutto “Il modello di relazione cristiana contro il razzismo”

C’era una volta un gioco?

C’era una volta il calcio.
In una celebre frase Arrigo Sacchi definì questo sport come “la cosa più importante tra le cose meno importanti”.
Il calcio muove grandi masse e come tutti gli eventi che interessano miliardi di persone a livello globale non può lasciare indifferente il peso politico ed economico che ha raggiunto negli ultimi decenni.
Il calcio è anche business e soft power in una logica di competizione internazionale. Leggi tutto “C’era una volta un gioco?”

Il perfezionista brontolone

Mi è capitato più di una volta di ragionare con qualche fedele attento sulla figura del fratello maggiore del figliol prodigo.
Sorprende la condanna di Luca nei suoi confronti in contrasto con la sconfinata benevolenza del Padre verso il figlio più giovane, quello che lo aveva abbandonato dilapidando  l’eredità spettantegli benché meno consistente rispetto al lascito che la tradizione ebraica accordava al primogenito maschio. Leggi tutto “Il perfezionista brontolone”