IL MISTERO DEL FIGLIO NON PRODIGO

 Devo confessare che nel corso del mio ministero sacerdotale ha suscitato più perplessità ed interrogativi la figura del Figlio maggiore della parabola sul Figliol prodigo che  il figliol prodigo stesso la cui vicenda forse è più leggibile sia come immedesimazione personale nell’esperienza del peccato, sia come riconoscimento di essere stati oggetto del perdono. Leggi tutto “IL MISTERO DEL FIGLIO NON PRODIGO”

San Rocco, il pellegrino che non aveva paura degli appestati

È il protettore di malati infettivi, invalidi e prigionieri. Ha come emblema il cane, la croce sul lato del cuore, e l’angelo, simboli del pellegrino. San Rocco è uno dei Santi più amati e festeggiati dalla pietà popolare anche se nonostante questa grande popolarità, le notizie sulla sua vita sono molto frammentarie. Leggi tutto “San Rocco, il pellegrino che non aveva paura degli appestati”

Assunzione della B. V. Maria: anticipo della resurrezione della carne

L’Assunzione di Peter Paul Rubens
La solennità dell’Assunzione della Vergine celebra la fine della vita terrena di Maria che, come recita il dogma proclamato da Pio XII, l’ultimo in ordine cronologico stabilito dalla Chiesa, viene accolta in cielo con il corpo e l’anima, anticipando la resurrezione della carne che avverrà alla fine dei tempi.

Leggi tutto “Assunzione della B. V. Maria: anticipo della resurrezione della carne”

UNA CHIESA LIBERA, POVERA E SERVA COME MARIA

 Commento alla Liturgia della Parola della XIX Domenica del T.O. (C)

La Liturgia della Parola odierna può essere letta in una chiave tutta mariana se consideriamo la dimensione del servizio nella comunità e il buon esempio.
 La Vergine Maria “piena di grazia” incarna l’elemento carismatico della Chiesa che in Lei trova il suo principio accanto alla dimensione petrina, cioè apostolica e istituzionale. Leggi tutto “UNA CHIESA LIBERA, POVERA E SERVA COME MARIA”

L’AVARIZIA

Alberto Sordi interpreta “L’Avaro”

COMMENTO ALLA LITURGIA DELLA PAROLA DELLA XVIII DOMENICA T.O. ANNO C

 INTRODUZIONE

Un giovane desidera entrare in monastero. Il maestro dei novizi lo interroga per sapere se è veramente deciso ad abbandonare il mondo: Se tu avessi tre monete d’oro le daresti ai poveri? Di tutto cuore, padre. E se avessi tre monete d’argento? Ben volentieri. E se avessi tre monete di rame? No, padre. E perché?, domanda il monaco stupefatto. Perché le ho! Leggi tutto “L’AVARIZIA”